Società della Salute della Zona Pisana
Consorzio Pubblico di funzioni
Via Saragat, 24 - 56121 Pisa

Avvisi e Notizie

 E’ l’obiettivo del tavolo di lavoro che si è riunito per la prima volta nei giorni scorsi.

La Presidente Gambaccini: “Vogliamo costruire un accordo su obiettivi condivisi che ci possa consentire di lavorare insieme per un periodo duraturo, oltreché sostenere il lavoro dei tavoli che stanno nascendo o si sono già costituiti a livello comunale”

 

 PISA, venerdì 11 dicembre 2020 – Un percorso in tre tappe per arrivare alla sottoscrizione di un vero e proprio protocollo che coinvolga il maggior numero possibile di realtà, sia pubbliche che del terzo settore e del volontariato, della Zona Pisana impegnate nella lotta alla povertà e nella promozione dell’inclusione sociale. E’ partito nei giorni scorsi con la prima riunione operativa del Tavolo delle Povertà della SdS Pisana, portato avanti in collaborazione con Federsanità-Anci Toscana, con un incontro di conoscenza e primo confronto sulle situazioni di disagio e difficoltà emerse in questi mesi di emergenza con i ricercatori di Sociolab, l’impra sociale cui è affidata la gestione del percorso, che hanno restituito il risultato dell’attività di mappatura portata avanti fra febbraio e giugno. Al primo incontro erano state invitate a partecipare i rappresentanti dei nove comuni della Zona Pisana (Calci, Cascina, Crespina-Lorenzana, Fauglia, Orciano Pisano, San Giuliano Terme, Vecchiano e Vicopisano), delle realtà del terzo settore e del volontariato maggiormente impegnate a livello zonale nella lotta alla povertà e di due associazion indicate da ciascuna amministrazione comunale. “Ma altri soggetti potranno aggiungersi nei prossimi incontri – spiega la Presidente della Società della Salute della Zona Pisana Gianna Gambaccini – : l’obiettivo è costruire un protocollo d’intesa su obiettivi condivisi che ci possa consentire di lavorare insieme per un periodo duraturo, oltreché sostenere il lavoro dei tavoli che stanno nascendo o si sono già costituiti a livello comunale”.

Alla prima riunione oltre alla presidente Gambaccini, alla direttrice Sabina Ghilli e agli altri operatori della SdS Pisana impegnati nei progetti e nei servizi di contrasto alla povertà e ai referenti di Federsanità-Anci Toscana (Andrea De Conno) e Sociolab (Nicolà Di Bernardo e Giulia Maraviglia) hanno parecipato anche i rappesentanti dei comuni di Calci, Cascina, Crespina-Lorenza, Fauglia, Pisa, Vecchiano e Vicopisano, le associazioni “Sguardo di Vicinato”, Pubblica Assistenza di Pisa, San Vincendo de’Paoli, le Misericordie di Cenaia e Orciano Pisano, la Croce Rossa di Fauglia e la cooperative sociale Arnera, il progetto La Zattera e l’Osservatorio sulle Povertà del Comune di San Giuliano Terme, la Fondazione Madonna del Soccorso e la Caritas parrocchiale di Vicopisano.