Società della Salute della Zona Pisana
Consorzio Pubblico di funzioni
Via Saragat, 24 - 56121 Pisa

Avvisi e Notizie

 La parrocchia di Ghezzano e l’associazione “Amici della Strada” nuovi alleati dell’innovativo progetto che adesso può contare su sette appartamenti

 Il parroco don Alessio Lenzarini: “Accoglienza e carità parte del dna della nostra comunità”. La presidente di “Amici della Strada” Tiziana Passuello (Amici della Strada): “Housing First funziona: lo abbiamo toccato con mano”

 La gratitudine della Presidente della SdS Pisana Gianna Gambaccini: “Li ringrazio per aver creduto in questo progetto: grazie alla passione e alla competenza degli operatori già ridata una normalità perduta a 6 persone che vivevano in strada. Un risultato straordinario”.

 Il sindaco di San Giuliano Terme Sergio Di Maio: “Per il nostro territorio un’altra esperienza all’avanguardia sul tema delle politiche socali basate sull’inclusività: grazie a parrocchia e “Amici della Strada”

 

PISA, martedì 30 marzo 2021 – Due camere, una sala con annessa cucina e un bagno. La casa del campanile, la canonica della chiesa di San Giovanni Battista a Ghezzano (San Giuliano Terme), è un nuovo appartamento di “Housing First”. Si allarga ulteriormente la rete delle case a disposizione dell’innovativo progetto messo in campo ormai da due anni dalla Società della Salute della Zona Pisana, e gestito dalla Cooperativa sociale “Il Simbolo”, che vede proprio nell’inserimento abitativo delle persone senza dimora il punto di partenza dei percorsi d’integrazione sociale. La parrocchia di Ghezzano da una parte e l’associazione “Amici della Strada” dall’altra sono i nuovi alleati di un progetto con cui nell’occasione ha collaborato anche il Comune di San Giuliano Terme, e che, con la casa del campanile, vede salire a sette gli alloggi a disposizione e che in poco meno di due anni ha consentito ai sei persone senza dimora pisani di ritrovare, insieme a un tetto, anche una normalità perduta da troppi anni: nello specifico la casa del campanile può accogliere anche due persone, ma inizialmente ve ne abiterà una soltanto per ridurre i rischi collegati alla convivenza fra persone che si conoscono superficialmente.

“L’accoglienza e la carità sono parte del dna della nostra comunità da ben prima del mio arrivo al servizio di questa comunità – dice il parroco di Ghezzano don Alessio Lenzarini -: da molti anni ormai ospitiamo l’associazione “Amici della Strada” che utilizza i nostri locali per preparare i pasti che distribuisce in strada. E’ un rapporto che negli anni è divenuta amicizia e stima reciproca: per cui quando ci hanno chiesto la disponibilità di un alloggio, proprio non abbiamo dubbi a mettere a disposizione la casa. La garanzia sulla bontà dell’iniziativa per noi sta nella loro passione, esperienza e anche competenza”. L’alloggio, infatti, è stato messo a disposizione dell’associazione ad un canone minimo, “che comunque – spiega la presidente Tiziana Passuello -: non pagheremo noi, se non in un primissimo periodo: la casa, infatti, diventerà un’altra delle abitazioni di “Housing First”, progetto che prevede che siano proprio i nuovi inquilini a farsi carico dell’affitto. Perché lo abbiamo fatto? Dopo molti anni di servizio in strada, volevamo fare un passettino ulteriore verso l’integrazione delle persone senza dimora e abbiamo toccato con mano, in questi, mesi che Housing First funziona – continua -: siamo davvero grati alla parrocchia di Ghezzano per la disponibilità dell’alloggio che è già a disposizione del progetto e più in generale del sistema d’interventi per l’alta marginalità di “Progetto Homeless” che include anche l’asilo notturno e l’unità di strada. I nostri volontari continueranno a essere accanto alle persone che vi andranno ad abitare e a sostegno e supporto degli operatori che hanno l’esperienza e la capacità di gestire un percorso sicuramente impegnativo ma che nella nostra città ha già dato risultati molto significativi”.

Alla parrocchia di Ghezzano e all’associazione “Amici della Strada” arriva anche la gratitudine della presidente della Società della Salute della Zona Pisana Gianna Gambaccini: “Li ringrazio di cuore per aver creduto in questo progetto come già aveva fatto un paio d’anni fa il parroco dell’Unità Pastorale di Barbaricina-Cep don Claudio Bullo che ci aveva messo a disposizione un’immobile della parrocchia di San Ranieri dove abbiamo ricavato cinque monolocali – dice -: grazie alla passione e alla competenza degli operatori delle cooperative “Il Simbolo” e “Arnera” siamo riusciti, finora, a ridare una normalità perduta a sei persone che vivevano danni per strada. E’ un risultato straordinario che conferma la bontà di una scelta su cui abbiamo intenzione di continuare ad investire e scommettere”.

Sergio Di Maio, sindaco di San Giuliano Terme: "Faccio i complimenti alla parrocchia di Ghezzano e all'associazione 'Amici della Strada' per questo importante progetto sostenuto dalla Società della Salute. Nel nostro comune mi piace ricordare anche la 'Casa di Alberto e Giuliana' a Colignola, messa a disposizione un anno e mezzo fa nell'àmbito del progetto 'Co – Living',e la “Casa Condivisa” di Asciano, dedicata a persone con disabilità e gestita da Anffas, Aipd e Unitalsi: sono entrambi promossi dalla Società della Salute Zona Pisana e rientrano nella programmazione della Regione Toscana sul 'Dopo di noi'. Il nostro territorio vanta esperienze all'avanguardia sul tema della politiche sociali basate sull'inclusività e questo di Ghezzano non fa certo eccezione".

Attachments: