Società della Salute della Zona Pisana
Consorzio Pubblico di funzioni
Via Saragat, 24 - 56121 Pisa

Avvisi e Notizie

Le promuove la cooperativa Paim in collaborazione con la Società della Salute della Zona Pisana. L'appuntamento è alle 17.30 all'Hotel San Ranieri.

310717_cechidiceno.jpg

Pisa, lunedi 31 luglio 2017 - La Regione Toscana mette a disposizione del terzo settore strumenti e opportunità tra cui la delibera 464 del 2/05/2017. Proprio in virtù di questa, la Cooperativa Sociale Paim ha disposto i progetti che presenterà al convegno “C’è chi dice no: 3 azioni per contrastare i fenomeni di violenza”, martedì 1 Agosto alle 17,30 al San Ranieri Hotel di Pisa.

Per fornire ai bambini e ai ragazzi le competenze necessarie ad una crescita libera, ma anche le opportunità per sperimentare e mantenere comportamenti salutari, è necessaria una vera e propria alleanza con il mondo della scuola basata su un nuovo approccio: non più interventi informativi ma azioni e strumenti didattici innovativi che favoriscano il protagonismo degli insegnanti e dei ragazzi.

Nasce così il progetto Fair play, che partirà a Settembre grazie alla collaborazione tra Paim e Società della Salute Zona Pisana.

Fair play (dall’inglese gioco corretto, che garantisce cioè le stesse opportunità ai diversi contendenti nello sport, nella politica e nei rapporti umani e sociali) nasce con l’obiettivo di diffondere informazione, sensibilizzazione e prevenzione nell’ambito della violenza e del disagio giovanile nel territorio pisano, proponendosi quindi di migliorare la qualità della vita dei giovani promuovendo così un maggior sviluppo delle capacità relazionali e una comunicazione assertiva e collaborativa.

Negli ultimi anni si è assistito ad un crescendo di episodi di violenza tra i giovani, a scuola, nei luoghi pubblici, in discoteca, nei centri sportivi.

L’età delle vittime e degli aggressori si è abbassata sempre di più e interessa trasversalmente tutti i ceti sociali. L’entità del fenomeno evidenzia la necessità di informare e sensibilizzare in modo diffuso e adeguato la popolazione giovanile, le famiglie e la comunità, per renderle più capaci di riconoscere, affrontare e fronteggiare ogni forma di violenza e prevenire il riprodursi di modelli comportamentali violenti.

Sempre nell’ottica di contrastare i fenomeni di violenza, Paim ha previsto due progetti:

La rete dei servizi a sostegno delle persone scomparse. Un progetto per analizzare e strutturare, all’interno della cornice dei dettami del Ministero dell’Interno, un approccio di rete nel sistema di intervento e aiuto delle “persone scomparse” nel territorio di competenza della Prefettura di Pisa.

Giustizia riparativa e mediazione penale. Un progetto composto da équipe specialistiche che ruotano su alcune aree specifiche di intervento come lo sportello di prima accoglienza alle vittime di reato, la consulenza periziale agli operatori del socio-sanitario vittime di violenza, la mediazione penale e la consulenza periziale sulle persone scomparse.